Trasporto internazionale di merce – CMR – furto di merce – responsabilità del vettore – cause di esonero

Monday, 10 August, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Cassazione, Giurisprudenza, Trasporto terrestre

Corte di Cassazione Civile

Sez. III, 10 aprile 1986 n. 2515

Giust. Civ., 1986, 783 e ss.

A far conseguire al vettore l’esonero dalla responsabilità per la perdita delle cose consegnategli per il trasporto non è sufficiente la semplice allegazione di avere subito un furto, essendo invece necessario che il vettore stesso – sul quale grava il relativo onere – dimostri, a termini e per gli effetti di cui all’art. 1693 cod. civ., l’estremo dell’assoluta inevitabilità di un tale evento dannoso e fornisca la prova positiva che il danno era dipeso da un fatto nettamente individuato ed estraneo alla propria sfera di vettore.

Art. 1693. Responsabilità per perdita ed avaria

Il vettore è responsabile della perdita e dell’avaria delle cose consegnategli per il trasporto, dal momento in cui le riceve a quello in cui le riconsegna al destinatario, se non prova che la perdita o l’avaria è derivata da caso fortuito, dalla natura o dai vizi delle cose stesse o del loro imballaggio, o dal fatto del mittente o da quello del destinatario.

Se il vettore accetta le cose da trasportare senza riserve, si presume che le cose stesse non presentino vizi apparenti d’imballaggio.

Tags: , ,

Scrivi un Commento