Trasporto marittimo di merce – Caricazione/scaricazione della merce e responsabilità del vettore

Saturday, 23 May, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Giurisprudenza, Trasporto per mare, Tribunali di merito

Tribunale di Ravenna, 12 dicembre 1991

Dir. Trasporti, 1992, 911 con nota di Gennari

In materia di trasporto marittimo di cose le operazioni di riconsegna, cui è tenuto il vettore consistono nel mettere le cose a disposizione del destinatario nel luogo e secondo le modalità indicate dal contratto di trasporto, di talché, in mancanza di diverso patto o uso, il vettore adempie tali obbligazioni di messa a disposizione limitandosi al mero sbarco della merce e riconsegnando la stessa <sotto paranco>, cioè sotto il bordo della nave.

L’affidamento del carico alle compagnie portuali per lo sbarco non esime il vettore da responsabilità, poiché la funzione istituzionale delle compagnie portuali si esaurisce nell’avviamento della manodopera necessaria per l’esecuzione delle operazioni portuali senza però assumerne la direzione, né accollarsi la responsabilità per gli eventuali danni da essa cagionati.

Anche in mancanza di riserva scritta o della constatazione in contraddittorio al momento della riconsegna, deve affermarsi la responsabilità del vettore per danni al carico in presenza di una relazione peritale da cui si possa desumere essersi verificati detti danni durante le operazioni di sbarco e/o deposito a piazzale qualora il vettore non fornisca la prova negativa richiesta dall’ordinamento per la sua liberazione.

Tags: ,

Scrivi un Commento