Trasporto marittimo di persone e responsabilità del vettore

Monday, 9 March, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Giurisprudenza, Trasporto per mare, Tribunali di merito

Tribunale di Genova, 17 ottobre 2002

Il Diritto Marittimo, 515, 2004

Per i sinistri di cui sia vittima un viaggiatore durante una crociera, si applica l’art. 409 cod. nav. per il quale il vettore è esonerato da responsabilità per mancanza di colpa  quando fornisce in giudizio la prova di aver posto in essere quanto necessario per assicurare, secondo la normale diligenza, l’incolumità dei passeggeri e quando prova altresì che il danno subito dal viaggiatore sia derivato da evento estraneo che non sia a lui imputabile.

L’art. 409 cod. nav. sulla responsabilità del vettore marittimo trova applicazione sia quando il sinistro è avvenuto “a causa” del trasporto, sia quando il sinistro si sia verificato “in occasione” del trasporto.

Nel caso di specie non costituisce un’autonoma ragione di responsabilità il fatto che il vettore crocieristico non abbia dotato la propria imbarcazione di un’apparecchiatura radiologica o che questa non sia stata utilizzata: non è infatti suo onere dotarsi di tutte le attrezzature diagnostiche specie nel caso in cui la crociera preveda uno scalo quotidiano.

Art. 409 – Responsabilità del vettore per danni alle persone

Il vettore è responsabile per i sinistri che colpiscono la persona del passeggero, dipendenti da ftti verificatisi dall’inizio dell’imbarco sino al compimento dello sbarco, se non prova che l’evento è derivato da causa a lui non imputabile.

Tags: ,

Scrivi un Commento