Trasporto di persone – Onere della prova – Soggetto gravato ex art.1681 c.c. – Nozione di viaggio – Fattispecie in tema di trasporto in tram.

Monday, 9 February, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Cassazione, Giurisprudenza, Trasporto terrestre

Corte di Cassazione Civile

Sez. III, 10 febbraio 2004, n. 2496

Responsabilità del vettore – Onere della prova – Soggetto gravato ex art.1681 c.c. – Nozione di viaggio – Fattispecie in tema di trasporto in tram.

In tema di trasporto di persone su di un veicolo, in particolare su un di filobus o su di un tram, la nozione di viaggio include anche le soste effettuate dal veicolo stesso durante l’interruzione del movimento (soste necessarie per consentire la discesa o la salita dei passeggeri), sicche’, nel caso di trasporto a pagamento, il conducente del tram o del filobus dovra’ comunque adottare tutte le misure di cautela necessarie per la sicurezza e l’incolumita’ dei passeggeri che, nelle fermate a richiesta, discendano o salgano dagli appositi passaggi. Nei confronti del vettore risulta altresi’ applicabile la disciplina di cui all’art.1681 c.c., che lo onera della prova di avere adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno, cosi’ vincendo la presunzione di responsabilita’ a suo carico sancita dalla norma predetta.

Art. 1681. Responsabilità del vettore

Salva la responsabilità per il ritardo e per l’inadempimento nell’esecuzione del trasporto, il vettore risponde dei sinistri che colpiscano la persona del viaggiatore durante il viaggio e della perdita o dell’avaria delle cose che il viaggiatore porta con sè, se non prova di aver adottato tutte le misure idonee a evitare il danno.

Sono nulle le clausole che limitano la responsabilità del vettore per i sinistri che colpiscono il viaggiatore.

Le norme di questo articolo si osservano anche nei contratti di trasporto gratuito.

Tratto da www.fog.it

Tags: ,

Scrivi un Commento