Trasporto internazionale su strada di merce – Colpa grave del vettore – Onere della prova in concreto

Saturday, 7 February, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Cassazione, Giurisprudenza, Trasporto terrestre

Corte di Cassazione Civile

Sez. III, 16 maggio 2006, n. 11362

Responsabilità illimitata del vettore – Condizioni previste dalla Convenzione di Ginevra – Colpa grave – Sufficienza – Onere della prova in concreto – Sussistenza – Fondamento.

In tema di trasporto internazionale su strada, la Convenzione di Ginevra del 19 maggio 1956 (resa esecutiva in Italia con legge 6 dicembre 1960 n. 1621) richiede, per la sussistenza della responsabilità illimitata del vettore, che la colpa dello stesso sia dalla legge dello Stato del giudice adito considerata equivalente al dolo. Ne consegue che, atteso il principio in base al quale in tema di responsabilità contrattuale le conseguenze giuridiche della colpa grave sono trattate allo stesso modo di quelle proprie della condotta dolosa, va esclusa qualsiasi limitazione della responsabilità contrattuale del vettore (ai sensi dell’art. 29 di detta Convenzione) nel caso in cui sia rimasta accertata una straordinaria ed inescusabile imprudenza e l’omessa osservanza anche della minima diligenza da parte del medesimo o dei suoi dipendenti o preposti. La sussistenza di tale responsabilità illimitata deve essere accertata in concreto, senza che al riguardo possa invocarsi la presunzione riferibile al minor grado di colpa sufficiente ad integrare l’inadempimento contrattuale del vettore, e poiché la piena equiparazione degli stati soggettivi di dolo e colpa, lungi dal rispondere ad un principio generale dell’ordinamento, è eccezionale, e come tale necessita di una previsione espressa in tal senso e non è suscettibile di estensione analogica, ove il più lungo termine di prescrizione sia collegato a situazione corrispondente a quella di “colpa equivalente al dolo secondo la legge del giudice adìto” recata dalla Convenzione di Ginevra, che nell’ordinamento italiano evoca il concetto di dolo eventuale certamente esulante dall’ambito di applicazione della presunzione di colpa a carico del vettore quale prevista dalla stessa Convenzione (artt. 3, 17, 18 e 32) in termini corrispondenti a quelli di cui all’art. 1693 cod. civ., la suddetta situazione di colpa “lata” equiparabile a quella di dolo eventuale deve essere provata in concreto, non operando alcuna presunzione di legge al riguardo.

Tratto da www.fog.it

Tags: , , , ,

One comment
Leave a comment »

  1. Sito in lavorazione .

    Buongiorno
    Io ho effettuato un trasporto a fine dell’anno scorso e per la mia sfortuna sono arrivata in ritardo stesso giorno alla sera in consegna .
    adesso dopo 4 mesi il cliente mi dice che non ha mai ricevuto la mia fattura di conseguenza di non farla nemmeno perché non hanno l’intenzione di pagare, senza nessun altro preavviso nel frattempo. Hanno il diritto di farlo ?

Scrivi un Commento