Contratto di viaggio turistico – Fattispecie disciplinata dalla Convenzione di Bruxelles 23 aprile 1970, ratificata con legge n. 1084 n. 1977 – Intermediario di viaggio – Qualità risultante dai documenti di viaggio – Necessità – Difetto – Responsabilità quale organizzatore del viaggio – Sussistenza – Onere della prova – Vacanza rovinata – Consumatore

Saturday, 7 February, 2009 | By Avvocato Luca Raffo | Categoria: Cassazione, Giurisprudenza, Viaggio per turismo

Corte di Cassazione Civile

Sez. III, 21 aprile 2006, n. 9360

Disciplina del contratto di viaggio – Fattispecie disciplinata dalla Convenzione di Bruxelles 23 aprile 1970, ratificata con legge n. 1084 n. 1977 – Intermediario di viaggio – Qualità risultante dai documenti di viaggio – Necessità – Difetto – Responsabilità quale organizzatore del viaggio – Sussistenza – Onere della prova.

Ai sensi dell’art. 19, secondo comma, della Convenzione Internazionale di Bruxelles 23 aprile 1970 relativa al contratto di viaggio, ratificata e resa esecutiva in Italia dalla legge 27.12.1977, n. 1084, l’intermediario di viaggio che non faccia constatare dai documenti di viaggio tale sua qualità, è considerato organizzatore del viaggio e risponde verso il viaggiatore come quest’ultimo. Ne consegue che spetta all’agente di viaggio, che intenda vincere la presunzione posta dalla norma, provare di avere consegnato al viaggiatore i documenti contenenti l’espressa dichiarazione che egli agisce quale intermediario, e non al viaggiatore fornire la prova del contrario.

Tratto da www.fog.it

Tags: , , ,

Scrivi un Commento